IL SOLE è “ l’io attivo”, il principio maschile e costituisce il centro della personalità. La sua posizione al momento della nascita determina il segno solare dell’individuo ed il suo comportamento di base. Esso esprime la sua massima forza nella casa in cui viene a trovarsi al momento della nascita. E’ in analogia con la parte maschile di ciascuno di noi, con l’attivismo e con la manifestazione fisica e comportamentale del proprio IO. Indica altresì il rapporto di ciascuno con le figure maschili di riferimento: padre, uomo- compagno, autorità, datore di lavoro. Le caratteristiche solari ben rappresentate dal segno del Leone, di cui il Sole è il governatore, sono il coraggio, la lealtà, il calore umano; vitalismo e passione;generosità. Possono degenerare in superbia, orgoglio, prepotenza e tendenza al dominio. Nell’UOMO esprimono soprattutto se stesso, in quanto figura

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Curabitur pharetra dapibus pharetra. Donec interdum eros eu turpis pharetra et hendrerit est ornare. Etiam eu nulla sapien. Nullam ultricies posuere nunc, eget mollis nulla malesuada quis.

maschile, nella DONNA esprimono la parte la parte attiva di sé ed il suo rapporto con l’uomo. Anatomicamente il Sole corrisponde al cuore, al plesso solare, alle arterie e alla parte destra del corpo. Il Sole raffigura la maturità dell’individuo.

Esso compie il giro dello zodiaco in un anno, con un passo giornaliero di un grado. IL DOMICILIO del Sole è nel segno del Leone e la sua ESALTAZIONE nel segno dell’Ariete.



Luna piena (madre, guaritrice)


Radiosa e possente nel semplice soffio

di stato divino racchiudi l’eterno.

Hai colto la luce e tenuto la fiamma

di un padre solenne, di un seme del Cosmo;

così tu sei madre e sorreggi chi soffre,

mutando la forma del karma passato.

-- Plenilunio d'Autunno, Chicca Morone

LA LUNA rappresenta il complemento del Sole, il principio femminile e, unitamente al Sole, il pilastro su cui si fonda la personalità dell’individuo. Essa esprime il mondo “passivo- recettivo”, l’impalcatura sensibile ed emotiva di ciascuno di noi. La Luna raffigura l’infanzia ed il legame con la madre. Rappresenta il mondo femminile di riferimento. Nella DONNA la Luna è proprio se stessa, e, tante volte, la posizione natale della Luna nel proprio tema è perfino più parlante di quella del Sole.

Nell’UOMO, raffigura il rapporto con la donna (madre- moglie- compagna). La Luna è collegata agli umori, all’intuizione, alla fantasia, alle facoltà extrasensoriali, a quel fascino misterioso indipendente dalla bellezza fisica. Essa è una componente fondamentale dell’intelligenza e dell’equilibrio emotivo. Regola il sonno ed il sogno. E’ collegato ai liquidi organici, alle ghiandole ed al seno. Rappresenta inoltre la parte sinistra del corpo. Simboleggia l’acqua dolce ed il latte.

La Luna compie il giro dello zodiaco in 27 giorni, con un passo giornaliero dai 12 ai 14 gradi circa.

Il DOMICILIO della Luna è nel segno del Cancro; la sua ESALTAZIONE è nel segno dei PESCI.

MERCURIO  impiega un anno circa per compiere il giro dello zodiaco e procede con un passo giornaliero di circa un grado. Da un punto di vista astronomico Mercurio è il pianeta più vicino al Sole. Anche astrologicamente occupa la sede più vicina al Sole (può distare al massimo 28 gradi dalla posizione del Sole al momento della nascita). Nella simbologia zodiacale raffigura i primi contatti mentali e sociali con il mondo esterno, dunque la capacità di farsi ascoltare e di farsi 

capire. Raffigura i primi contatti mentali e sociali con il mondo esterno, dunque la capacità di farsi ascoltare e di farsi capire. Rappresenta quel genere d’intelligenza capace di rapida osservazione del circostante, capace di capire attraverso una conoscenza critica, lucida, immediata  che, di per sé, può escludere l’intuizione come anche l’analisi e l’approfondimento.

Umorismo, calcolo, astuzia, anche opportunismo, sono altre caratteristiche del pianeta. Esso raffigura la capacità di contrattazione, la mobilità, gli spostamenti su breve percorso. Rappresenta inoltre la capacità di socializzare ed è componente di un temperamento ironico. Regola l’udito (l’organo che rappresenta la capacità di ascolto) e tutte le attività in relazione alla comunicazione:telefonia- stampa- radio. Raffigura l’adolescenza, i giovani, i fratelli ed i figli (indipendentemente dal sesso).

Anatomicamente presenta corrispondenze, oltre che con l’organo dell’udito, (timpani- orecchie) con il sistema nervoso, polsi e bronchi. Lesioni del pianeta possono colpire le parti suddette. La vicinanza tra Mercurio e il Sole incide unicamente sul comportamento e sul carattere della personalità.

I suoi DOMICILI sono nei segni dei Gemelli e della Vergine; è ESALTATO  nello Scorpione.


VENERE dista dal Sole (astrologicamente) non più di 48 gradi dunque, rispetto al segno di nascita, alloggia non oltre due segni dopo o due segni prima. Anche Venere compie il giro dello zodiaco in un anno circa. E’ molto frequente che la posizione natale del pianeta Venere si trovi in un segno di confine (es. Sole in Toro – Venere in Ariete o Gemelli; Sole in Toro con Venere in Toro e, più difficilmente, in Pesci o Cancro).

 Anche Venere, nei suoi aspetti con il Sole (= segno di nascita) influenza sostanzialmente il carattere e certe note di fascino o grazia piuttosto che non gli eventi.

 Il significato simbolico di questo pianeta riguarda l’affettività, l’espressione di un sentimento e della capacità di amare.

In generale esso raffigura ogni tipo di possibilità relazionale, purchè su base affettiva  e non mentale o razionale. E’ componente di sensibilità artistica, amore per il bello, gusto estetico, edonismo e, in una parola, inclina alle gioie più sensuali e piacevoli  della vita. Esprime l’esigenza di un’armonia,desiderio di pace, di serenità, di comfort.

Le possibilità di Venere si accordano con molti altri pianeti: con URANO  può dare inclinazione ad un’ottima manualità (artigiani- ottime casalinghe- terapeuti) nei vari campi della tecnica, della medicina e della creatività. In associazione a GIOVE, è componente di fortuna  ma anche di  spiccato edonismo e sensualità raffinatissima (gusto- olfatto- parola). Con NETTUNO si esprime nella sensibilità artistica (composizione,  musica- danza,  pittura- grafica etc.) Venere collabora inoltre all’aiuto della FORTUNA in una forma minore rispetto a Giove, ma pur tuttavia distendendo i rapporti tra le persone e facilitando le circostanze esterne. Collabora inoltre alla protezione della salute.

Fisiologicamente ha delle corrispondenze con le ovaie. Regola il metabolismo e le funzioni renali.

Venere occupa i  DOMICILI  nei segni della  Bilancia  e del Toro. E’ ESALTATO nel segno del

Cancro.       

 MARTE è considerato dalla tradizione un pianeta semirapido. Impiega due anni per compiere il giro dello zodiaco. Le corrispondenze con questo corpo celeste sono collegate alla forza, all’aggressività, alla virilità: EROS  e  GUERRA  in una sola figura. Caratterialmente esso si esprime con brusche impennate, slanci entusiastici e altrettanto brusche e repentine cadute. Psicologicamente, è insito nel suo comportamento il dubbio dell’impotenza  e vi è necessità continua di una sfida, per misurare la propria capacità di difesa verso l’esterno.

Le manifestazioni attitudinali del pianeta sono molto essenziali, rudi e semplificate al massimo. Questo non significa che esso “ forgi ” delle personalità da sempliciotti, ma personalità in cui, la schiettezza, l’essenzialità, la ruvidezza  sono caratteristiche subito individuabili. L’Ariete è il segno in cui massimamente si evidenziano queste note. Spesso si riscontrano ombrosità, suscettibilità, irritabilità, tendenza alla polemica e alla sfida, un temperamento, insomma, da ATTACCABRIGHE…

L’impulsività  è anche una tendenza tipica di questo pianeta, così come l’instabilità  o, meglio, discontinuità. Marte è collegato all’incisione, alle armi da taglio e da fuoco e, in associazione positiva con URANO, può produrre ottimi chirurghi, scultori, artificieri e, in generale, persone dotate di fermezza e spettacolari riflessi. In associazione positiva con SOLE e PLUTONE, esso imprime coraggio, forza morale e fisica, capacità di affrontare situazioni pericolose. Con SATURNO in aspetto positivo, Marte diventa componente di un temperamento molto solido, volitivo e tenace, dotato di grande resistenza morale e psicologica. Se positivo con MERCURIO, potrà favorire un’ottima carriera politica o sociale, ed uno spirito critico feroce!

Fisiologicamente rappresenta l’organo virile e la muscolatura in generale, oltre all’attitudine sportiva.     

Marte è DOMICILIATO in Ariete e Scorpione; è ESALTATO  nel segno del Capricorno.

 

GIOVE  è un pianeta semilento; compie il giro completo dello zodiaco in 12 anni e sosta circa un anno in ogni segno. La tradizione vuole che questo pianeta privilegi per un anno il segno in cui soggiorna, portando fortuna e successo in vari campi del vivere. Non è precisamente così.

A noi tutti è capitato, magari una volta sola, di non aver avuto “nell’anno magico” tutta la fortuna promessa, e magari le cose andavano meglio l’anno prima o l’anno dopo! Come mai?  Prima di tutto Giove non sosta mai un intero anno sui gradi precisi di una posizione natale, ma “viaggia” su ogni singolo grado alcuni giorni o alcune settimane (i gradi sono trenta e al momento della nascita noi ne occupiamo solo uno), pur tenendo conto di un allargamento dell’orbita di viaggio. Poi, buona parte del risultato dipende dalla nostra posizione di nascita. Su un Sole leso o eccessivamente stimolato, il transito di Giove può avere  un effetto “amplificante” e collabora nell’accentuare una problematica mentre invece, l’anno prima o l’anno dopo potrebbe formare un aspetto splendido magari su Venere o su altre posizioni radicali (= di base) che si presentino ben aspettate nel nostro oroscopo. Noi abbiamo molte risorse di cui non sospettiamo neppure le potenzialità!  In altri casi, che sono la maggioranza, Giove – nell’anno magico – può determinare un raggiungimento “limitato” ad un’area e ad un periodo dell’anno. Questo va riconosciuto e accettato come dono o come aiuto, anche se non è grandioso come si vorrebbe. Tutto poi, va rapportato alla nostra situazione e possiamo avere limiti dovuti, per esempio, all’età, all’ambiente in cui viviamo, alle condizioni sociali -familiari- personali che sempre ci condizionano un po’.  Infine c’è un’altra osservazione. Giove, nel suo percorso sui nostri punti oroscopici, forma molto spesso delle alleanze con altri corpi celesti in transito. Ecco che allora, nel momento in cui il suo percorso s’incrocia con quello di un pianeta più lento (Saturno- Urano- Nettuno- Plutone) può compiere cose veramente grandiose: una promozione sul lavoro, un innamoramento con esito felice nel tempo, un colpo di fortuna inatteso, un’evoluzione spirituale o interiore di grande significato sociale o personale, un’ambizione che arriva ad un successo altamente gratificante e così discorrendo.  Questi fortunati eventi capitano poche volte nel corso della vita (e non a tutti) e credo vadano capiti e apprezzati anche se spesso appaiono modesti; magari si camuffano dietro un posto di lavoro che non rappresenta il massimo del prestigio o l’acquisto di una casa che non sarà un castello ma un semplice appartamento che paghiamo con un mutuo per anni o magari la nascita di un figlio che si dà per scontata e dovuta, laddove altri meno fortunati, rincorrono tutta la vita almeno uno di questi conseguimenti. Non intendo spogliare Giove di quell’alone magico di cui lo ha ammantato una tradizione millenaria, però semplicemente  < ridimensionarlo > alla portata di quanto è realmente possibile aspettarsi dalla vita.

In sintesi, Giove è associato alla facilità – felicità - fortuna  e all’ottimismo, tutte condizioni che consentono un inserimento agevole nella vita.  Le persone molto segnate da questo pianeta appaiono bonarie, simpatiche, portate alla conversazione, anche all’eloquenza. Giove risponde alle simbologie di  parola – bocca - linguaggio e,  in buon aspetto con MERCURIO, facilita la comunicazione,  fatta di ascolto e di parola  in giusta dose!  In aspetto con VENERE invece, sviluppa nel soggetto il desiderio di circondarsi di cose belle, di agi e, in una parola, predispone ad un’esistenza comoda e pacifica, che ovviamente esclude tutti i disagi che nascono dall’imprevisto. Giove è collegato anche alla possessività, al denaro e al materialismo.  Presiede anche a certe attività  didascaliche, inclina all’interesse per  la filosofia, le lingue ed i costumi  stranieri, i viaggi nel lontano  (anche mentali e spirituali).  Giove può rappresentare il  “ PUNTO DI FORZA ” in un tema natale, esprimendo quel campo in cui l’individuo è facilitato nella vita.  Farò un paio di esempi. Giove natale nel segno del Cancro contraddistingue un’annata di persone dotate di un fascino sottile, suggestivo che riesce a procurare riscontri di simpatia e aiuti, laddove il soggetto non riesca con i propri mezzi. Il fascino di un Giove natale in Leone  risiede molto spesso nella grande magnanimità del soggetto, ma anche nell’eloquenza pontificante con cui s’impone su una massa.  Il segno natale e la casa indicano la sede in cui il pianeta esprime il meglio ed il massimo della sua forza. Anatomicamente presenta corrispondenze con  bocca- lingua- occhi. E’ collegato alla crescita e all’espansione.

I suoi DOMICILI  sono in  Sagittario e Pesci.  E’ ESALTATO  nel segno del Toro.

 

SATURNO  apre il giro dei pianeti lenti, quei pianeti che sostano più anni in un singolo segno. Esso compie il giro dello zodiaco in 29 anni e mezzo e rimane circa due anni e mezzo in ogni segno.

E’ considerato dalla tradizione tolemaica, il pianeta della “sventura”, in contrapposizione a Giove, pianeta della “fortuna”. Vorrei ridimensionare questa idea di calamità che fa tremare tutti coloro che azzardano (e leggono) previsioni sui transiti di Saturno. Come scrissi in precedenza, l’esperienza su se stessi è sempre la più convincente. Personalmente sono affascinata da questo pianeta che sì, è vero,  freddo, controllato nelle sue emozioni, privativo, austero; può apparire anche disumano però, durante le sue fasi di transito, l’individuo è costretto a prendere visione (chiara fino alla crudezza)  di determinate situazioni. Ciò che non serve più viene allontanato; cadono i veli che tenevano vive le illusioni e non sempre, ne convengo, siamo pronti a far cadere i nostri miti…le illusioni ci permettono anche di continuare a vivere ma l’unico modo per progredire è affrontare la vita per quello che essa è realmente.  Nulla ci viene portato via da Saturno  se non è ora che qualcosa finisca.  Le scelte difficili, gli ostacoli, le responsabilità, sono spesso collegati ai passaggi e agli aspetti di questo pianeta, però è anche vero che i suoi transiti - se positivi - apportano cose VERE, DURATURE, magari sofferte e attese a lungo ma, quasi sempre, in una situazione che aspiri ad un minimo di stabilità nel tempo, è fondamentale l’osservazione dell’aspetto che forma Saturno in quel periodo. La cosa difficile di questi transiti sta principalmente nel fatto che magari non ci si adegua ad un nuovo impegno, per esempio, o non ci si rassegna ad una perdita o ad un’ attesa che vada oltre la nostre aspettative. Ma la vita è una scuola di pazienza e Saturno, nei suoi passaggi, può essere illuminante.       La tradizione conferisce a questo pianeta un carattere restrittivo – privativo -pessimista. La diffidenza  e la  prudenza  sono caratteristiche tipiche del pianeta. Esso però forgia il temperamento dell’individuo attraverso le prove della vita. Coraggio morale  –  forza d’animo  –  tendenza all’introversione ed alla solitudine – pazienza – rigore – inflessibilità – tenacia  – forza di volontà – autocontrollo – lucidità –severità  –  aridità e capacità di spoliazione anche verso se stessi. Saturno è collegato alla vecchiaia, alla longevità ed alla durata. Può formare il carattere di persone autorevoli. E’ spesso collegato alla Legge ed alla Giustizia.

Fisiologicamente viene collegato al fegato, alla colonna vertebrale, ossa e denti. Aspetti lesivi possono degenerare in forme reumatiche, artritiche, sclerotiche. In associazione positiva con altri corpi celesti (come Venere, Giove , Urano) può determinare conseguimenti importanti in età avanzata  o magari miglioramento di alcune condizioni di vita in età matura. Il tempo di Saturno ed il tempo futuro, lontano.

Riporterò una particolarità.

In una situazione sentimentale importante di innamoramento e/o di vita di coppia, quasi sempre, è presente, nel momento della conoscenza o, se non c’è stato seguito, in un successivo momento di sviluppo, un aspetto molto importante di Saturno.  E’ auspicabile che Saturno formi aspetto di congiunzione o trigono – sestile su posizioni fondamentali di almeno uno dei due patners,  quale garanzia di durata e concretizzazione di progetti nel tempo.  Esso occupa il DOMICILIO nei segni del Capricorno ed Acquario.  E’ in ESALTAZIONE nella Bilancia. 

URANO è il primo dei pianeti lenti scoperto con gli strumenti ottici. Compie il giro dello Zodiaco in una vita umana (in ottanta anni circa).

Nel 2003 Urano ha iniziato il suo percorso nel segno dei Pesci. Rimane in un segno poco meno dio sette anni; unitamente a Saturno concorre nel determinare i passaggi critici dell’individuo.

All’età di quarant’anni circa esso transita in opposizione a se stesso, determinando quasi inevitabilmente una fase critica in cui, la persona, interroga se stessa sui traguardi raggiunti e tante volta viene colta dall’urgenza di cambiare stile di vita.   Le rotture con schemi preesistenti, saranno il sintomo di una volontà di rinnovamento e di recupero, I rispetto ai precedenti comportamenti e così possiamo assistere a repentine separazioni o crisi di coppia oppure a matrimoni ed unioni decisi sotto la spinta di questo invito pressante  “ realizzare ”.  Si possono presentare condizioni di crisi (non necessariamente negative) anche nell’ambito professionale – lavorativo, di salute e/o familiare.  A secondo della “ costituzione astrale ” dell’individuo, si verificano dunque (attorno ai quarant’anni), fatti assai significativi.  Spesso ho potuto verificare matrimoni e maternità corrispondenti ad un felice pensionamento in donne sui quarant’anni. E’ molto difficile controllare ciò che avviene durante queste fasi poiché Urano ha delle connotazioni di rapidità ed imprevedibilità.  I risultati sono spesso affidati ai transiti concomitanti ed ai transiti futuri, ma anche alla posizione radicale del pianeta.  La sua funzione è dinamica, costruttiva e realizzatrice (con lesioni, può diventare distruttiva e predisporre a blocchi od incertezze fatali nel momento della realizzazione).  Adattabilità, opportunismo, prontezza di riflessi, scatto e capacità di operare tagli drastici; il tempo di Urano è il tempo presente, è il saper cogliere l’occasione del momento (o – con lesioni – non saperlo riconoscere).  In aspetto positivo con  SATURNO, esso diventa una forza vincente: saper costruire nel tempo, saper decidere – oggi –in vista di un profitto futuro.  In associazione a MARTE, amplifica i riflessi, la capacità di decidere sul momento lo scatto vincente e ben determinato.   Il Capricorno accoglie tutti e tre questi pianeti, nelle sue sedi di esaltazione e domicilio.  In Acquario Urano ha il suo domicilio primario ma l’alleanza con Saturno e Nettuno lo rende più duttile, più opportunista e diplomatico, piuttosto che drastico. Lo rende più innovatore e geniale, improvvisatore, piuttosto che paziente ed accorto costruttore come in Capricorno.  In entrambi i segni, tuttavia, Urano esprime la sua notevole capacità manuale, tecnologica e meccanica (non dimentichiamo che è esaltato nel segno della Vergine).   LE  MANI  sono il mezzo con cui il pianeta si serve per  “ costruire ”. Dunque, dall’artigianato alla tecnologia  più avanzata, il suo principio è sempre realizzativi e costruttivo.  Esprime il bisogno di evoluzione dell’umanità; che questo avvenga attraverso un paziente lavoro di costruzione e ricostruzione (Vergine), attraverso la proposta di finalità concrete in vista di un   “ lontano ” (Capricorno) o attraverso la spinta ideologica innovatrice e sorprendente dell’Acquario, è comunque EVOLUZIONE.  Ogni “ mutamento ” però prevede anche la possibilità di tagli bruschi e netti, di svolte repentine ed inarrestabili, fino al taglio ultimo con la vita. Anatomicamente ha delle corrispondenze con le mani.

Il suo DOMICILIO è in Acquario ed in Capricorno.  E’ ESALTATO  nella  Vergine.

NETTUNO  compie il giro dello Zodiaco in un arco di 164 anni circa.

Sosta in un segno un tempo molto lungo, su per giù tredici anni. Il passo annuale è di due gradi e mezzo circa. Attualmente (2004) Nettuno percorre il segno dell’Acquario, con un passo tra i 12 ed i 15 gradi.

Esso influenza i costumi ed il progresso spirituale di una generazione.

LA METAMORFOSI    e dunque la CAPACITÀ  TRASFORMATRICE  dell’individuo, sono le grandi caratteristiche associaste al pianeta. Sotto la sua spinta l’individuo è mosso dalla curiosità di scoprire ciò che è sconosciuto, ciò che è diverso e che si allontana da una regola o da una convenzione.  Anche LA  RELIGIOSITA’, IL MISTICISMO, LA SPIRITUALITA’ sono caratteristiche del pianeta.  Con lesioni particolarmente pesanti esso inclina al terrore dei cambiamenti, ad un immobilismo mentale o fisico, al rifiuto di riconoscere una realtà ( le illusioni!); a forme mentali ossessive, a stati d’ansia che chiedono ricorso ai farmaci (droghe, sostanze nocive in generale). Anche il GIOCO D’AZZARDO  e lo scarso controllo dei propri vizi sono una della manifestazione del pianeta (se duramente leso).  Nettuno rappresenta l’acqua (soprattutto salata), gli oceani, il liquido amniotico.  Si esprime attraverso un’elevatissima sensibilità  ed è componente di genialità (scientifica – artistica – letteraria); in ogni caso, attraverso la fantasia e l’immaginazione.  Sono determinanti le associazioni di Nettuno con gli altri corpi celesti, per capire quale direzione può prendere la  “ sensibilità ” del pianeta.  Fisiologicamente esso ha delle corrispondenze con gli anticorpi e regola le difese immunitarie dell’individuo.

Il suo DOMICILIO PRIMARIO è nel segno dei Pesci e si esprime attraverso l’allontanamento dalla regole e dalla consuetudine, attraverso il richiamo di una sensibilità perfino eccessiva ed attraverso un’elevazione che può portare a raggiungere il  misticismo.

La sua sede di  ESALTAZIONE  è in Acquario  e l’alleanza con la creatività di Urano si esprime attraverso un’inventiva bizzarra, ingegnosa, ma anche attraverso ideali di grande peso sociale ed umanitario.

Nel Sagittario Nettuno occupa gli ultimi dieci gradi: IL DOMICILIO BASE. In questo segno si esprime soprattutto attraverso il desiderio di conquista di uno spazio “ lontano ”(materiale – geografico – mentale – filosofico/ideologico – spirituale) ma, anche semplicemente, attraverso l’irrequietudine di un girovago che ama viaggiare così… dove lo porta la Sorte.



 PLUTONE  chiude il cerchio dei pianeti lenti.

Il suo giro attorno lo zodiaco dura circa 250 anni e contraddistingue  FASI  STORICHE  GENERAZIONALI  soggiornando in un segno anche vent’anni.


L’ultimo soggiorno nel segno dei GEMELLI  andava dal 1882 al 1913 ed ha segnato una generazione intellettualmente lucida e critica.

L’ultimo soggiorno nel segno del CANCRO comprendeva il periodo dal 1913 al 1938, contrassegnando una generazione influenzabile, sentimentalmente legata al passato, rigidamente conservatrice. 

L’ultimo passaggio di Plutone nel segno del LEONE, va dal 1938 al 1957. Rappresenta una generazione audace, sprezzante del pericolo ma fin troppo sicura ed intollerante ad ogni costrizione.

L’ultima permanenza di Plutone in VERGINE comprende il lasso di tempo dal 1957 al 1971 ed ha forgiato una generazione piuttosto pacata, saggia, cauta e molto attratta dalla tecnologia e dall’ecologia.

Tra il 1971 ed il 1984 Plutone soggiornò in BILANCIA, producendo personaggi molto determinati ed onesti, perfino severi nei loro conseguimenti, con grande rispetto per l’evoluzione sociale, giuridica e di pensiero.

Il soggiorno di Plutone nello  SCORPIONE  copre il periodo dal 1984 al 1995 predisponendo gli esponenti della sua generazione ad un grandissimo slancio evolutivo in cui l’uomo può dare il meglio od il peggio di sé, provocando trasformazioni ideologiche drastiche.

Attualmente (dal 1995 al 2008) Plutone transita nel segno del SAGITTARIO. I nati in questi anni potranno manifestare desiderio di esplorazione, di scoperta del lontano attraverso una mentalità concretamente attiva ma, spiritualmente, più tranquilla.

Plutone ha delle correlazioni con LA FORZA CREATIVA E GERMINATIVA che lavora ad un livello profondo, segreto, poco evidente.

Su un piano concreto esso sviluppa la sua opera attraverso l’atto della procreazione e, in senso traslato, della creatività ad ogni livello.

Su un piano psicologico produce quel senso di soddisfazione (o insoddisfazione) di sé  che sta alla base di un equilibrio mentale e psichico.

La “ creatività ” simboleggiata da questo pianeta è molto diversa dalla creatività di Urano. Laddove la creatività di Urano necessita di una programmazione e di un’abilità tecnica o manuale e si esprime attraverso una concretizzazione tangibile ed attraverso il raggiungimento di un obiettivo, Plutone simboleggia soprattutto la capacità di realizzare attraverso quelle risorse creative che ciascuno ha nel suo profondo.

Plutone, come lo definisce Lisa Morpurgo, è un principio vitale alla ricerca di una forma; Nettuno invece rappresenta il mutamento di una forma preesistente.

Plutone è il seme maschile (anatomicamente è collegato ai testicoli) che crea; Nettuno è la placenta che nutre il feto e consente lo svolgimento della gravidanza.

Plutone è collegato simbolicamente alle profondità ed ai suoi contenuti; dunque anche al petrolio.

Con aspetti particolarmente stimolanti, esso può raffigurare la parte più istrionica ma anche la parte più segreta della personalità umana; le risorse psichiche profonde ed insondabili ma anche l’espressione più intima e nascosta della sessualità, così come la definì Jung: “ la forza motivatrice dell’essere”

http://www.contatoreaccessi.com/step_3.php